arrow-right angle-down-sx angle-down-dx menu-hamburger search
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test

TOP CONTENT

Prysmian è leader globale nel settore dei cavi e opera in tutto il mondo, in molti paesi diversi e nell’ambito di numerose comunità differenti. Riteniamo che la tutela della dignità, della libertà e dell’uguaglianza tra tutti gli esseri umani sia al centro del nostro essere in quanto azienda. Rifiutiamo qualunque forma di discriminazione e qualsiasi azione e attività illecita, tra cui la corruzione e il lavoro forzato o minorile, e supportiamo la piena realizzazione dello sviluppo socioeconomico.

La Policy sui Diritti Umani del Gruppo è da applicarsi entro i limiti fisici e giuridici di Prysmian Group in termini di attività aziendali e attività svolte dai collaboratori di Prysmian S.p.A. e delle sue consociate. La stessa si applica anche ai professionisti autonomi che lavorano presso le sedi e gli stabilimenti di Prysmian Group.

Il Gruppo esorta inoltre tutti i fornitori con cui collabora ad adottare questa Policy, come specificato nell’ambito del Codice di Condotta Commerciale di Prysmian Group.

Ci impegniamo a rispettare i principi internazionalmente riconosciuti in materia di diritti umani, anche laddove emergono disposizioni contrastanti.
Il nostro obiettivo è garantire di non essere in alcun modo coinvolti, direttamente o indirettamente, in attività che violino i diritti umani.

L’impegno di Prysmian si ispira agli standard riconosciuti a livello internazionale in materia di diritti umani:

  1. Carta internazionale dei diritti dell'uomo;
  2. Dichiarazione universale dei diritti umani;
  3. Dichiarazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro e suoi seguiti;
  4. Il framework “Protect, Respect and Remedy” redatto dal Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite;
  5. “Children's rights and Business principles” dell’UNICEF;
  6. Linee guida SA8000;
  7. Linee guida destinate alle Imprese Multinazionali dell'OCSE;
  8. L’iniziativa delle Nazioni Unite “United Nations Global Compact”;
  9. Dichiarazione tripartita di principi sulle imprese multinazionali e la politica sociale dell'OIL;  
  10. “Modern Slavery Act” emanato nel Regno Unito;
  11. UNICEF e The Danish Institute for Human Rights, “Children’s Rights in Impact Assessments”, Dicembre;
  12. Amnesty International – capitolo in italiano, Dichiarazione universale dei diritti umani;
  13. “Assessing the effectiveness of company grievance mechanisms” di CSR Europe;
  14. Guida per l’attuazione dei principi guida delle Nazioni Unite su Impresa e Diritti Umani del Settore ICT della Commissione Europea.