arrow-right angle-down-sx angle-down-dx menu-hamburger search
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test
test

TOP CONTENT

Una comunicazione strategica e finanziaria rispettosa dei più rigorosi standard di correttezza, chiarezza e trasparenza

Lettera agli shareholder

Gennaio 2020, il CEO della nostra consociata cinese inizia a parlarmi di una crisi sanitaria che rischia di esplodere nella città di Wuhan.

Circa un anno dopo tutto il mondo ha conosciuto i drammatici effetti della pandemia Covid-19. Nell’introdurre il Bilancio 2020 è quindi per me doveroso e opportuno focalizzare subito l’attenzione su come la nostra azienda ha affrontato fino ad ora un “cigno nero” che ha probabilmente cambiato per sempre l’ordine delle priorità economiche e sociali.

Salute e sicurezza delle persone, continuità della supply chain e creazione di valore per tutti gli stakeholders sono state le nostre priorità nell’affrontare la pandemia Covid-19.

Guardando i risultati dell’esercizio concluso, possiamo dire con soddisfazione di aver centrato gli obiettivi.

L’impatto della pandemia c’è ovviamente stato, ma anche grazie alla priorità che abbiamo assegnato alle persone, siamo riusciti a dare ad assicurare elevata continuità al business riuscendo a centrare ampiamente l’obiettivo di redditività e soprattutto registriamo il record di sempre nella generazione di cassa.

L’aver pensato ai dipendenti come priorità ci ha permesso di proteggere la nostra stessa organizzazione produttiva e l’intera supply chain. L’operatività dei nostri 104 siti produttivi non è mai scesa sotto l’80%, intensificando inoltre la collaborazione tra paesi che man mano venivano colpiti dal Covid-19.

Tutto questo è risultato in una elevata capacità di continuare a servire i nostri clienti sempre e comunque.

L’incertezza sembra destinata a dominare ancora, ma anche alla luce della forte resilienza dimostrata dalla nostra organizzazione, possiamo guardare avanti con fiducia consapevoli di avere le risorse necessarie per rilanciare la sfida della crescita dopo l’acquisizione di General Cable.

L’ambizione che ci siamo dati è di ricoprire un ruolo centrale, da enabler tecnologico, nei processi di transizione energetica e digitalizzazione. Per farlo, continuiamo ad investire in innovazione di prodotto e nella sostenibilità del nostro footprint produttivo. La decisione di darci target Science Based di riduzione delle emissioni di C02, rigorosi, sfidanti e soprattutto basati su evidenze scientifiche, vuole rendere ulteriormente credibile e trasparente il nostro commitment a essere una ESG Company.

I Ricavi di Gruppo sono ammontati a Euro 10.016 milioni registrando una variazione organica del -10.3% (escludendo il segmento Projects la variazione organica è dell’-8,3%, in positivo miglioramento nel quarto trimestre a -4,8%). Un buon contributo alla resilienza del Gruppo è venuto dal segmento Energy, che limita la diminuzione organica dei ricavi al -7,1% sulla spinta della positiva performance di Power Distribution e Renewables in Nord America.

L’EBITDA Adjusted si è attestato a Euro 840 milioni, risultato che conferma la resilienza del Gruppo al contesto macroeconomico e di mercato fortemente deteriorato, anche grazie alla adozione di tempestive e mirate azioni di contenimento dei costi e al miglioramento del business mix che ha consentito di preservare i margini. La riduzione rispetto ai Euro 1.007 milioni di EBITDA Adjusted del 2019, risente inoltre degli effetti negativi derivanti dai tassi di cambio che impattano per circa Euro 32 milioni. Il rapporto EBITDA Adjusted su Ricavi è dell’8,4% rispetto all’8,7% del 2019, confermando la capacità del Gruppo di proteggere la redditività. Il segmento Energy viene beneficiato dalla brillante performance di profittabilità realizzata nella Power Distribution e nelle overhead lines in Nord America.

Nel Telecom, l’impatto sull’EBITDA Adjusted del calo dei volumi e della pressione sui prezzi in Europa è stato parzialmente assorbito grazie alle azioni di efficienza dei costi che hanno contribuito anche alla stabilizzazione dei margini. Da evidenziare i segnali di ripresa del business dei cavi ottici nell’ultimo trimestre, soprattutto in Nord America.

Margini in tenuta anche nel segmento Projects che anche a livello di profittabilità ha risentito delle inefficienze nella produzione e installazione causate dalla pandemia, nonché del mix sfavorevole di progetti. Segnali di recupero nel quarto trimestre. Significativo il contributo derivante dalla integrazione di General Cable.

Gli sforzi per proteggere la capacità di generazione di cassa hanno premiato il Gruppo che nel 2020 ha raggiunto livelli record, con un Free Cash Flow a Euro 375 milioni (Euro 487 milioni escludendo il cash out per Antitrust), superiore alla guidance.

Sulla base dei risultati dell’esercizio 2020, il Consiglio di Amministrazione proporrà alla prossima Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo unitario di Euro 0,50 per azione, per un ammontare complessivo di circa Euro 132 milioni.

L’importante presenza in Cina ha consentito al Gruppo di comprendere fin dalle prime fasi l’insorgere della Pandemia. “People first”, salute e sicurezza delle persone al primo posto, innovazione tecnologica e lean manufacturing e protezione del business, sono le tre direttrici adottate dal Gruppo per affrontare la Pandemia. “People First” si è tradotto nell’aumento degli investimenti in salute e sicurezza (+29% a Euro 17 milioni), nella fornitura massiva di materiale sanitario e effettuazione di test e analisi per la rilevazione dei contagi, nella ridefinizione delle procedure per l’utilizzo dei luoghi di lavori in sicurezza nonché nell’ampio ricorso al remote working, nella digitalizzazione delle attività di formazione della Academy e negli interventi in favore delle Comunità impattate dal virus (dal cablaggio dell’ospedale di Wuhan a iniziative di citizenship anche in altre parti del mondo). In un contesto che sta ridefinendo le stesse priorità sociali ed economiche, il Gruppo ha confermato la propria ambizione a essere un enabler della transizione energetica e della digitalizzazione. Dal cavo flagship 525 kV P-Laser, alle innovazioni nel campo delle fibre e cavi ottici, come Sirocco il cavo record per densità di fibre, al cavo energia sottomarino per profondità record fino a 3000 m, il Gruppo ha rafforzato il proprio impegno in Innovazione tecnologica. Importante anche il focus sulla digitalizzazione dei propri processi manufatturieri (Fast Forward Project). L’aver messo la salute e sicurezza al primo posto, ha anche consentito di assicurare continuità alla supply chain e al business. L’operatività degli impianti produttivi non è mai scesa sotto l’80% mantenendo pressoché intatta la capacità di servire il cliente (on time delivery oltre il 94%).

Il Gruppo ha inoltre prontamente implementato un robusto piano di contenimento dei costi nonché misure a protezione della generazione di cassa.

Prysmian Group conferma l’ambizione ad essere tra i player tecnologici di riferimento nella transizione verso l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e verso una economia decarbonizzata. Il 48% di ricavi del Gruppo sono riconducibili a business e prodotti che contribuiscono alla economia low carbon. Con l’obiettivo di sostenere la prevista accelerazione nello sviluppo di nuove interconnessioni energetiche sottomarine e terrestri (principalmente interconnessioni e collegamenti di offshore wind farms) il Gruppo ha previsto investimenti per circa Euro 450 milioni entro il 2022 (oltre il 50% del totale investimenti), destinati anche a migliorare ulteriormente la sostenibilità della propria organizzazione e supply chain.

Prysmian Group annuncia anche una nuova e ambiziosa strategia climatica adottando obiettivi Science Based allineati ai requisiti dell’Accordo di Parigi e siglando la Business Ambition (1,5°) con obiettivo “Net Zero” previsto tra il 2035 e il 2040 per le emissioni generate dalle proprie attività (Scope 1 e 2) ed entro il 2050 per le emissioni della catena del valore (Scope 3). Tra le iniziative più rilevanti in questo ambito, lo stabilimento di Pikkala del Gruppo, principalmente dedicato alla produzione di cavi per le offshore wind, sarà il primo plant a zero emissioni nette e il 100% dell’energia utilizzata sarà ottenuto da fonti rinnovabili certificate.