arrow-right angle-down-sx angle-down-dx menu-hamburger search YouTube Facebook Twitter Instagram LinkedIn Flickr Scribd Info Tooltip
Prysmian Group alla “Technical Session 2022” del CIGRE a Parigi

Prysmian Group alla “Technical Session 2022” del CIGRE a Parigi

Categorie: Corporate

Quattro studi tecnici per condividere le “lessons learned”, le best practice e il know-how relativi allo sviluppo di sistemi energetici di grandi dimensioni

Milano, Italia   -   08/24/2022 - 8:43 AM

Verrà presentata la gamma completa di prodotti e servizi innovativi e sostenibili per applicazioni ad alta tensione.

Prysmian Group, leader mondiale nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, è lieto di partecipare anche quest'anno alla “Biannual Session” del CIGRE Technical Congress and Exhibition, il principale evento globale dedicato ai sistemi energetici, che si terrà dal 28 agosto al 2 settembre 2022 a Parigi.

Prysmian Group sta svolgendo un ruolo chiave nello sviluppo di infrastrutture per le reti elettriche che promuovono la transizione dai combustibili fossili alle rinnovabili, come l’energia eolica, e si contraddistingue per la sua lunga tradizione e un’eccellente reputazione nell’ambito della community del CIGRE, all’interno della quale partecipa a gruppi di lavoro e comitati tecnici e di studio.

La “Technical Session” del CIGRE rappresenta anche un importante momento di confronto scientifico e di condivisione delle conoscenze e proprio per questo gli ingegneri di Prysmian Group presenteranno quattro studi tecnici per illustrare i risultati ottenuti dai progetti in corso o completati al fine di condividere le “lezioni acquisite” le best practice e il know-how: “Performance and characterization tests on HPTE insulation material” di Giovanni Pozzati, Grazia Berardi, Davide Pietribiasi e Stefano Franchi Bononi; “Practical experience and modelling of the corrosion behaviour of the Aluminium metallic cable sheath” ad opera di Jos Van Rossum; “Evaluation of the HVDC VSC cable system behavior in presence of transient voltage phenomena” di Lluis Sales; e “PD, temperature and acoustic measurement of Eleclink HVDC interconnector – anticipate failures to minimize service disruption and impact on train circulation” redatto da Alessandro Pistonesi, Diego La Cascia e Giuseppe Fiscelli.

L’ultimo lavoro citato offre preziose informazioni non solo sui sistemi in cavo, ma anche sulle soluzioni di monitoraggio all’avanguardia messe a disposizione grazie all’applicazione di PRY-CAM, la tecnologia proprietaria del Gruppo e il primo sistema in assoluto per il monitoraggio delle scariche parziali concepito per l’alta tensione in corrente continua.

Alla “Technical Exhibition” del CIGRE il Gruppo esporrà le proprie innovative soluzioni in cavo terrestre e sottomarino altamente tecnologiche, oltre alla propria offerta “chiavi in mano” basata sull’utilizzo di ampie risorse ingegneristiche, impianti produttivi e un’ampia gamma di capabilities di installazione all’avanguardia.

Tra le soluzioni in cavo più interessanti il Gruppo presenterà i suoi cavi dinamici per applicazioni sottomarine ad alta tensione che permettono di realizzare parchi eolici in aree attualmente non accessibili a causa dell’elevata profondità marina, come nel caso del primo parco eolico flottante offshore francese, il Provence Grand Large.

In esposizione tra le innovazioni tecniche di calibro internazionale anche i cavi con armatura sintetica, che riduce del 30%-50% il peso in acqua dei cavi sottomarini, permettendo di eseguire installazioni a profondità estremamente elevate in ecosistemi marini finora ritenuti non raggiungibili. Questa gamma include i cavi da 500 kV in corrente continua per installazioni a profondità record che si prevede saranno impiegati a maggio 2024 per il Tyrrhenian Sea a una profondità di oltre 2.200 metri.

Per i progetti terrestri Prysmian Group esporrà la propria tecnologia ecosostenibile P-Laser per l’alta tensione in corrente continua (HVDC) con isolamento in HPTE (High Performance Thermoplastic Elastomer). Questo cavo è completamente riciclabile e permette di ridurre del 30% le emissioni di CO2 durante la produzione. È stato scelto per i progetti di cablaggio ad alta tensione in corrente continua (HVDC) in Germania: tre corridoi energetici di fondamentale importanza che trasporteranno l’energia pulita generata dai parchi eolici al largo delle coste settentrionali del paese alle regioni meridionali altamente industrializzate.

Download PDF file_download