2019_05_27_Gigabit_Society_Story_ Prysmian_Group_Header.jpg.png

Verizon e Sprint lanciano le reti 5G nelle principali città degli Stati Uniti

La “Gigabit Society” diverrà una realtà nel 2020 quando la maggior parte dei paesi potrà disporre di reti 5G

 

Dopo decenni di promesse, la “Gigabit Society” basata su comunicazioni wireless super veloci si sta finalmente concretizzando. Il provider di telecomunicazioni statunitense Verizon Communications Inc rende disponibile il 5G, ovvero la quinta generazione della comunicazione mobile senza fili e super veloce, a Chicago e Minneapolis, annunciando il lancio del servizio in altre 20 città degli Stati Uniti, tra cui Atlanta, Boston, Dallas, Washington DC e Detroit. Alla fine di maggio Sprint lancerà il suo servizio in ulteriori quattro città statunitensi.

Nelle 20 città del servizio 5G Verizon, gli utenti abbonati potranno usufruirne utilizzando lo smartphone Moto Z3 di Motorola venduto dall’operatore o il dispositivo S10 5G recentemente rilasciato da Samsung e che sarà disponibile negli Stati Uniti a partire dalla fine di giugno.

La “Gigabit Society” punta a rendere ampiamente disponibile a tutti i cittadini una connessione internet ultra veloce in casa, in auto o in mobilità, ovunque si trovino, permettendo loro di accedere a nuovi servizi come l’e-government, il sistema sanitario digitale e l’Internet of Things. Le nuove reti 5G, che ora si stanno costruendo in quasi tutti i paesi del mondo, risultano almeno 10 volte più veloci della banda larga in 4G.

In alcune zone di Chicago gli utenti connessi alla rete di Verizon, e vicini a un ripetitore, rilevano già una velocità di 1 Gigabit in download che permette loro di scaricare i film preferiti in 90 secondi o un episodio di un programma televisivo in soli 8 secondi.

La maggior parte dei paesi dovrebbe poter disporre di reti 5G entro il 2020. E, mentre Verizon lanciava la rete mobile 5G città dopo città, dall’altra parte del mondo, nella Corea del Sud, il provider di telecomunicazioni SK Telecom dichiarava di aver iniziato, ad aprile, a offrire piani per comunicazioni wireless in 5G. Sia il Giappone che la Cina dispongono infatti di importanti piani per le reti 5G, con la Cina di gran lunga avanti agli Stati Uniti in termini di densità di rete, secondo uno studio condotto da Deloitte sulla base dei dati dell'associazione industriale americana degli operatori mobili (CTIA). L’Unione Europea ha anch’essa adottato un piano, denominato “Connectivity for a European Gigabit Society”, volto a portare la connessione internet ad alta velocità in tutte le case dell’UE entro il 2025.

La velocità tuttavia non è l’unico punto di forza di queste nuove e importanti reti: saranno infatti anche in grado di connettere le persone ai dispositivi, aprendo così le porte ad applicazioni completamente nuove quali la Realtà Virtuale e la Realtà Aumentata e favorendo qualsiasi tipo di innovazione in ogni ambito, dall’attività produttiva alla scienza.

Prysmian è uno dei principali player nella diffusione delle reti 5G negli Stati Uniti grazie a una commessa Verizon del valore di 300 milioni di dollari per la fornitura di oltre 17 milioni di chilometri di cavi in fibra per le reti 5G di prossima generazione.

Proprio per sostenere il lancio delle reti 5G in tutto il mondo, a marzo 2019 Prysmian ha lanciato il nuovo cavo MassLink con tecnologia FlexRibbon, in grado di assicurare la più elevata densità di fibre del settore.

 

Glenn Wellbrock, Director of optical transport network architecture at Verizon

 

Nel suo intervento all’evento NExsT a New York alla vigilia del lancio del 5G da parte di Verizon, Glenn Wellbrock di Verizon ha condiviso alcuni dati riscontrati dal suo team durante i test che l’azienda aveva effettuato sul 5G, dichiarando che la quantità di cavi che l’azienda sta installando non è mai stata così elevata.

La fibra è essenziale per la diffusione del 5G” ha sottolineato Wellbrock, Director of Optical Transport Network Architecture di Verizon.

Per costruire i tipi di rete 5G necessari a supportare la Gigabit Society serve un lavoro di squadra” ha dichiarato Philippe Vanhille, EVP Telecom Business di Prysmian Group.

Dobbiamo continuare a lavorare tutti insieme per far sì che il 5G diventi realtà” ha sottolineato al NExsT.

Rendere il 5G concretamente disponibile alla maggior parte dei consumatori implica ovviamente ingenti investimenti, ma i benefici economici saranno straordinari.

Uno studio condotto da BCG nel 2016 e commissionato da ETNO, l’Associazione Europea degli Operatori delle Reti di Telecomunicazione, ha stimato che il 40% della crescita economica dell’UE tra il 2015 e il 2020 “sarà generata, secondo le previsioni, da una società digitale che generi posti di lavoro e prosperità”. Lo studio ha stimato che nel 2014 l’economia digitale rappresentava il 5% del PIL dell’Europa, un dato che si prevede salirà al 7,5% del totale entro il 2020.

COLONNA 1
COLONNA 2
COLONNA 3

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta aggiornato sulle ultime pubblicazioni e sulle evidenze dal nostro business.

arrow-right arrow-right-strong Iscriviti