Indici di Sostenibilità

Indici di Sostenibilità

Soddisfiamo le aspettative dei clienti e della comunità

Nell’ambito del costante impegno di Prysmian verso le pratiche aziendali sostenibili, monitoriamo tutti i più importanti rating e indici di sostenibilità. Prestiamo particolare attenzione ai seguenti aspetti, in quanto più pertinenti alla nostra attività.

Miglioramento della sostenibilità del business

Quale riconoscimento per il nostro impegno verso la Responsabilità Sociale d'Impresa, abbiamo migliorato il nostro posizionamento in numeroso indici di sostenibilità internazionali.

Nel 2017, l’azienda ha ottenuto il terzo posto nel settore “Electrical Components & Equipment” della review dell'agenzia svizzera di rating di sostenibilità RobecoSAM, inclusa nel Dow Jones Sustainability Index (DJSI), uno dei più prestigiosi indici di sostenibilità al mondo.

L’attenzione di Prysmian Group alla sostenibilità ambientale è testimoniata anche dalla performance del Gruppo nel CDP Climate Change Report 2017, nella cui edizione italiana Prysmian rientra nell’elite delle aziende che hanno rendicontato pubblicamente le proprie informazioni ambientali nell’ambito del programma “Climate Change”. Il Gruppo, inserito nel segmento “Industrials”, ha ottenuto la classificazione B (su una scala di 8 valori da A a D), confermando il proprio impegno nella riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, in linea con gli obiettivi stabiliti dalla Cop21 di Parigi, e a ridurre i propri impatti ambientali. Inoltre Prysmian, su richiesta dei suoi clienti internazionali, ha risposto anche al programma di Supply Chain di CDP, sia per il tema Climate Change che, per la prima volta quest'anno, per il tema Water.

Anche quest'anno, Prysmian ha deciso di partecipare al sondaggio EcoVadis. Nel 2017, in seguito all'attuazione e all'approvazione di ulteriori politiche e attività di sostenibilità, Prysmian ha migliorato la propria posizione ottenendo un punteggio di 70/100, passando dal livello Silver, ottenuto nel 2016 con un punteggio di 58/100, al livello Gold, collocandosi nella fascia dell’1% dei migliori fornitori valutati da EcoVadis.

Nel 2017 il Gruppo ha confermato l’inclusione nel FTSE4Good valutata più positivamente negli ambiti sociali quali la salute e sicurezza, i diritti umani e la supply chain.

Prysmian ha migliorato nel 2017 il proprio punteggio nell’indice Standard Ethics, incrementando il rating da EE (2016) a EE +, garantendosi quindi l’inclusione nell’ indice Standard Ethics European 30 Best in Class (composto da società europee con un rating superiore a EE +).

Nel corso del 2017 Prysmian conferma per il secondo anno l’inclusione nel prestigioso report Carbon Clean 200, classificandosi come unica azienda italiana presente e posizionandosi cinquantottesima. Prodotto in collaborazione tra la no profit As You Sow e l’azienda Corporate Knights, il Carbon Clean 200 si sviluppa come un report volto a valutare le più grandi aziende del mondo ad azionariato diffuso sulla base di ricavi derivanti da energia green.

Per il terzo anno consecutivo Prysmian rientra nella Top 10 all’interno del Comprend Webranking 2017 report, pubblicato in Italia da Lunquist. Tale report mostra come e quanto le aziende sono in grado di dialogare con i propri stakeholder attraverso il loro sito web e i canali digitali a loro disposizione. Comprend Webranking Research è considerata la principale survey, a livello europeo, di siti web aziendali ed è l’unica classifica globale che si basa sulle richieste provenienti dagli stakeholder. Il Gruppo ha anche partecipato al 7° CSR Online Award, la prima ricerca a livello europeo promossa da Lundquist che analizza come le aziende comunicano la propria sostenibilità e coinvolgono i propri stakeholder sui temi di sostenibilità sulle proprie properties digitali, guadagnando 25 posizioni rispetto all’edizione precedente e classificandosi al 18° posto.

Il Dow Jones Sustainability Index si basa su un’analisi di performance aziendali economiche, ambientali e sociali, e valuta temi quali: corporate governance, risk management, branding, climate change mitigation, supply chain standard e labor practices. Si basa anche su criteri di sostenibilità generali e del settore specifico di riferimento.

CDP si colloca tra le organizzazioni non-profit maggiormente riconosciute a livello internazionale per la valutazione della trasparenza nella divulgazione delle informazioni relative ai temi del cambiamento climatico, del gas serra e della gestione delle risorse idriche.

Lo Standard Ethics Italian System è un indice di borsa sulla Corporate Governance e la sostenibilità lanciato il primo gennaio 2014 dall'agenzia di rating di indipendente Standard Ethics.

L’indice FTSEGood comprende una serie di indici dei titoli etici lanciati nel 2001 dal FTSE Group, che misurano le performance delle società che dimostrano azioni importanti in ambito Ambientale, Sociale e di Governance (ESG). La ricerca su questi indici è supportata dall’Ethical investment Research Service (EIRIS).

Bloomberg raccoglie dati Ambientali, Sociali e di Governance pubblicate sui documenti aziendali. Il punteggio Bloomberg ESG Disclosure Score classifica le aziende in base al lodo livello di divulgazione dei dati. Il punteggio viene assegnato tenendo conto del settore industriale in cui l’azienda opera.

EcoVadis è una piattaforma in cui le aziende possono registrarsi per rispondere a un sondaggio sulla CSR ed essere valutate come fornitore. Il sondaggio è personalizzato secondo il settore di attività, la dimensione e la collocazione geografica. La metodologia EcoVadis copre 21 criteri nell’ambito dell’ambiente, delle buone pratiche sul lavoro, delle buone pratiche e dell’etica di business, e della supply chain. La metodologia si basa su standard di CSR internazionali.