Azionariato per tipologia e azionisti rilevanti

Il flottante della Società era pari al 100% delle azioni in circolazione e gli azionisti con quote rilevanti (superiori al 3%) rappresentavano complessivamente circa il 12% del capitale: non risultavano quindi azionisti di maggioranza o di riferimento. Prysmian rappresenta oggi uno dei pochi casi italiani di società industriali con presenza globale ad aver raggiunto nel corso degli ultimi anni lo status di Public Company.

 

Fonte: Nasdaq OMX dicembre 2018

Investitori istituzionali divisi per area geografica

L’azionariato per area geografica evidenzia un peso predominante degli Stati Uniti con il 28% del capitale detenuto dagli investitori istituzionali, in crescita rispetto al 2017, seguiti dal UK al 22%, in diminuzione rispetto al 2017. L’Italia rappresenta circa il 18% del capitale detenuto da investitori istituzionali, in aumento rispetto 2016, mentre la Francia rimane sostanzialmente stabile al 10%. Sostanzialmente invariato anche il peso degli investitori asiatici.

 

Fonte: Nasdaq OMX Dicembre 2018

Investitori istituzionali divisi per approccio di investimento

Complessivamente circa il 67% del capitale detenuto da investitori istituzionali è rappresentato da fondi di investimento con strategie Value, Growth o GARP, quindi focalizzati su un orizzonte temporale di medio e lungo periodo. In aumento rispetto al 2017 la componente di azionisti che seguono un approccio di investimento Index, ovvero basato sui principali indici azionari di riferimento, mentre la componente Hedge Fund, focalizzata su un orizzonte temporale più breve, ha diminuito leggermente il suo peso arrivando al 4% del totale.

 

 

Fonte: Nasdaq OMX Dicembre 2018